giovedì
28
settembre
21:15

Transformations - Scavandosi l’anima con un martello pneumatico (Recital ispirato ai testi di Anne Sexton)

con Cristina Donadio

Cristina Donadio, attrice, autrice e regista, ha iniziato la sua carriera giovanissima con un “mostro sacro” della tradizione partenopea come Nino Taranto, per continuare con altri grandi come Eduardo de Filippo, Aldo Giuffrè, Aroldo Tieri. E’ stata definita di volta in volta dai critici “lunare – inquieta – moderna – ambigua- notturna – carnale”. Come autrice comincia la sua intensa ricerca su personaggi femminili a tinte forti, dando vita ad una serie di performance e monologhi ispirati a Marguerite Duras, Frida Khalo, Emily Dickinson, Sylvia Plath,  sempre accompagnata da musicisti di varia estrazione. All’inizio degli anni ’90 il suo “incontro fondamentale”  con il teatro di frontiera di Enzo Moscato. Da quel momento lega in maniera indissolubile il suo percorso a quello che lei considera il suo “fratello di strada” oltre che come attrice, anche come collaboratrice alla regia e alle scelte delle musiche di tutti i suoi spettacoli. E’ di ottobre 2016 la sua presenza tra le protagoniste in Bordello di mare con città di Enzo Moscato, per la regia di Carlo Cerciello, al Teatro Bellini di Napoli. Diretta da numerosi registi cinematografici (Werner Schroeter con cui debuttò ne Il regno di Napoli, Pappi Corsicato, Pasquale Squitieri, Liliana Cavani), è in uscita  prossimamente nelle sale con La Parrucchiera di Stefano Incerti. In breve tempo Cristina Donadio è diventata nota al grande pubblico grazie alla voce e al volto che presta a “Scianel”, una delle “spietate” protagoniste della serie TV Gomorra