venerdì
23
marzo
21:30

Milano, Via Padova

di Antonio Rezza, Flavia Mastrella — Italia, 2016, 70'

guarda il trailer

Un viaggio lungo via Padova, a Milano, sull'autobus 56 che la percorre tutta. Una zona vivacissima e multietnica di Milano si racconta attraverso le interviste agli immigrati, i canti e le musiche. Ne emerge un'occasione per parlare di razzismo e insofferenza e raccontare, attraverso il canto, la convivenza forzata e la cultura di chi è straniero.

-------------------------------

Ingresso gratuito.

-------------------------------

(…) attenzione, Milano, Via Padova non è proprio un documentario e nemmeno un’inchiesta. Il film di Antonio Rezza è più che altro la messa in scena di un paradosso. Il paradosso è quello del razzismo ai giorni nostri (…). E i veri coautori inconsapevoli, nonché i protagonisti di quest’opera cinematografica indipendente sono proprio le persone comuni, quelle che incrociamo ogni giorno per strada. Tutto comincia con una semplice domanda: “Lei ospiterebbe a casa sua un extracomunitario? In un angolo, in cucina o in salotto; tanto non dà fastidio, si mette in un cantuccio e la guarda, si mantiene da solo”. Di qui il non senso prende il sopravvento e comincia il vero divertimento, quello che solo la percezione del paradosso sa dare. Perché la vera sorpresa di questo film sta nel fatto che tutti, ma proprio tutti gli intervistati finiscono col restare imbrigliati in questo registro dell’assurdo. Per nessuno di loro è un problema manifestare il proprio pensiero rispetto all’accoglienza degli stranieri in casa propria di fronte ad una telecamera mentre uno straniero assiste di persona silenziosamente all’intervista. (…) per gli improvvisati protagonisti di questa strana commedia il potersi esprimere conta più del contenuto stesso delle proprie idee. Perché in effetti Milano, via Padova mostra anche che ciò di cui le persone sembrano aver bisogno più di tutto è proprio la possibilità di poter esternare il proprio disagio. La causa di questo disagio in realtà conta assai poco, il razzismo è solo il pretesto, il capro espiatorio di un problema di non facile soluzione.

Vania Amitrano, 2duerighe.com

Presentano il film in collegamento via skype i registi Antonio Rezza e Flavia Mastrella. Il film viene replicato sabato 24 marzo alle ore 9 e alle ore 11 per le scuole che ne fanno richiesta.