15 gennaio 2019

Angius al carbone per Ovunque proteggimi

Sabato 19 gennaio - alle ore 21.15 - Bonifacio Angius torna al cinema del carbone per presentare il suo ultimo film, OVUNQUE PROTEGGIMI, presentato in concorso al recente Torino Film Festival. Dal grigiore invernale di PERFIDIA, Angius passa a un agosto esasperato. Potente, impulsiva, borderline, la storia di OVUNQUE PROTEGGIMI conquista il cuore degli spettatori, ormai stanchi di scatole narrative emotivamente addomesticate. Protagonisti del film due outsider: un cantante folk fallito, perso nelle bettole del sassarese, e una donna a cui i servizi sociali hanno tolto i figli. Anziché annientarsi nella sofferenza, i due si incontrano e si gettano nuovamente nella vita, affrontando un viaggio per uscire dal recinto della follia in cui la società vorrebbe tenerli rinchiusi. "Non ho mai trattato questi personaggi come se fossero dei matti" ha dichiarato Bonifacio Angius: "chiunque nella loro situazione potrebbe reagire come loro, ma i loro eccessi rendono il mio film anarchico nello spirito. Questi personaggi, per me, sono stati un regalo".

09 gennaio 2019

ANNULLATA LA PROIEZIONE DI SUMMER (LETO)

Per motivi tecnici la proiezione di questo pomeriggio mercoledì 9 gennaio alle 18:15 di SUMMER (LETO) è ANNULLATA.
Ci scusiamo per il disagio.

03 gennaio 2019

Mondovisioni 2019

Mondovisioni 2019 - I documentari di Internazionale

Un progetto a cura di CineAgenzia per Internazionale

Intorno a noi c'è un mondo che cambia rapidamente: istituzioni ritenute inattaccabili che sembrano sgretolarsi, vecchie idee che si ripresentano con una pelle nuova, conquiste sociali e diritti fondamentali rimessi in discussione, centinaia di persone che a diverse latitudini riprendono a lottare per libertà e giustizia. Un mondo che raramente arriva sui nostri piccoli schermi domestici, ma che possiamo vedere ogni anno al cinema, grazie a Mondovisioni.

L'attesa rassegna di documentari su attualità, diritti umani e informazione, curata da CineAgenzia per il settimanale Internazionale, torna anche quest'anno al cinema del carbone, raccontandoci la complessità del presente attraverso storie senza filtri, emozionanti, profonde, esemplari, capaci di parlare a ciasuno di noi. Otto film belli e importanti, scelti dai più prestigiosi festival internazionali, quest’anno tutti in anteprima per l’Italia.

L’edizione 2018-2019 presenta due film sull’ondata globale populista con cui facciamo i conti quotidianamente: Alt-Right: Age of Rage, sulla nuova estrema destra americana, ed Eurotrump, sul ruolo chiave a livello europeo del populista olandese Geert Wilders. Su un fronte opposto, non troppo diversi risultano spirito di appartenenza, ottusità e cinismo degli islamisti radicali che Recruiting for Jihad ci mostra al lavoro in Europa. E per offrirci ulteriori stimoli per leggere il nostro tempo, Mondovisioni punta lo sguardo su paesi apparentemente remoti e al tempo stesso incredibilmente vicini: El país roto ci conduce in un viaggio in uno dei paesi più profondamente in crisi, il Venezuela; Kinshasa Makambo celebra il coraggio dei giovani che nella Repubblica Democratica del Congo lottano per un cambio di potere e libere elezioni; con Whispering Truth to Power andiamo per la prima volta in Sudafrica a conoscere la straordinaria giudice Thuli Madonsela e la sua battaglia contro la corruzione. Nella tradizione della rassegna non mancano un omaggio al miglior giornalismo in Under the Wire, ritratto della leggendaria reporter Marie Colvin, caduta nel massacro della città siriana di Homs, e un film urgente che alza l’asticella e lo sguardo ponendo una domanda decisiva:What is Democracy?.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Orario proiezioni: 18.15; 21.15.

Abbonamento 8 film: 20 euro.

Biglietto singola proiezione: intero 7 euro, ridotto soci cinema del carbone 5 euro.

Costo del biglietto per gli studenti: 3 euro (gratuito per gli insegnanti accompagnatori).

Per info e prenotazioni: 0376.369860 – info@ilcinemadelcarbone.it – www.ilcinemadelcarbone.it.

In collaborazione con:
Albero nuovo Amnesty Internation Gruppo 79 Mantova ANPI Associazione Colibrì Cisl Asse del Po Comune di Mantova Con vista sul mondo eQualEthics Expo Fondazione Cariverona GIT Banca Etica Mantova Libera Mantova per la pace Mappamondo Nur internet marketingSalamandra gioielli Sprar Enea

03 gennaio 2019

Museo, Troppa grazia e Summer

Questi sono i film con cui iniziamo il 2019 in via Oberdan 11.

  • Potrete rubare le memorie archeologiche più preziose del Messico con i protagonisti di MUSEO
  • Liberare l'energia rock che vi brucia dentro e squarciare il buio della Leningrado tardocomunista di SUMMER; 
  • Confrontarvi con le presenze soprannaturali di TROPPA GRAZIA.
  • Ridere e sognare con La strega Rossella e Bastoncino

26 dicembre 2018

LA COMMEDIA più esplosiva delle feste

Accolto con entusiasmo all’ultimo Festival di Cannes, LA DONNA ELETTRICA è una commedia travolgente e fuori dagli schemi, capace di unire emozione, impegno e divertimento. Un film che colpisce al cuore con un ritratto di donna memorabile e un omaggio al paesaggio islandese di struggente bellezza.

Halla sembra una donna come le altre, ma dietro la routine di ogni giorno nasconde una vita segreta: armata di tutto punto compie spericolate azioni di sabotaggio contro le multinazionali che stanno devastando la sua terra, la splendida Islanda. Quando però una sua vecchia richiesta d’adozione va a buon fine e una bambina si affaccia a sorpresa nella sua vita, Halla dovrà affrontare la sua sfida più grande…

26 dicembre 2018

LA COMMEDIA più esplosiva delle feste

Accolto con entusiasmo all’ultimo Festival di Cannes, LA DONNA ELETTRICA è una commedia travolgente e fuori dagli schemi, capace di unire emozione, impegno e divertimento. Un film che colpisce al cuore con un ritratto di donna memorabile e un omaggio al paesaggio islandese di struggente bellezza.

Halla sembra una donna come le altre, ma dietro la routine di ogni giorno nasconde una vita segreta: armata di tutto punto compie spericolate azioni di sabotaggio contro le multinazionali che stanno devastando la sua terra, la splendida Islanda. Quando però una sua vecchia richiesta d’adozione va a buon fine e una bambina si affaccia a sorpresa nella sua vita, Halla dovrà affrontare la sua sfida più grande…

18 dicembre 2018

A NATALE regala il Carbone

A Natale regala il Carbone!

Tante sono le possibilità

__________________________________

Tessera associativa: 10€

Abbonamento a Mondovisioni: 20€ 

Abbonamento alla rassegna André Téchiné: 20€ 

Tessera famiglia "il carbone dei piccoli": 35€ 

10 ingressi : 40€ (spendibili durante tutto il tempo dell'anno)

4 ingressi: 20€

2 ingressi: 10 €

05 dicembre 2018

ROMA, di Alfonso Cuarón

L’acqua. Quant’è importante l’acqua nel cinema di Alfonso Cuarón. Un cinema fluido che racconta sempre di una trasformazione in atto, di una parte che muore e di un’altra che rinasce. Ricordate i finali de I figli degli uomini e Gravity? O l’ultima inquadratura di Y tu mamá también con Maribel Verdù che si immerge nel mare insieme alla macchina da presa? E anche in questo suo ultimo, bellissimo film, l’oceano e le onde ricoprono un ruolo decisivo e salvifico in un improvviso scioglimento dell’emozione che diventa abbraccio collettivo e liberatorio da cui ricominciare.

Era proprio dai tempi di Y tu mamá también che Cuarón non raccontava il “suo” Messico. Se allora l’urgenza era confrontarsi con un coming of age della e sulla giovinezza, stavolta il punto di vista è quello dell’infanzia, con un viaggio che non è solo un road movie territoriale, ma un balzo autobiografico all’indietro nel tempo. Siamo infatti a Città del Messico a cavallo tra il 1970 e il 1971, all’interno di una famiglia dell’alta borghesia, dove il principale centro emotivo è quello di Cleo, la giovane domestica che bada alle pulizie di casa e ai bambini. Probabilmente uno di questi è proprio il regista (classe 1961), cresciuto a Roma, quartiere della capitale messicana che non a caso dà il titolo al film. La routine domestica viene presto sconquassata dalla separazione dei genitori. Il padre lascia la famiglia e il diario privato di Cuarón assume i contorni di una doppia parabola al femminile. La domestica e la madre. Entrambe abbandonate dai propri uomini e unite da una solidarietà che travalica la differenza di classe. Incinta di Firmìn, un uomo irrisolto, fissato con le arti marziali (sono pur sempre gli anni di Bruce Lee e dell’occidentalizzazione degli sport orientali), ma destinato a cadere nelle maglie dell’estremismo di destra, Cleo rimane in famiglia e diventa la testimone dolente, affettuosa e passiva di questa transizione familiare, che a sua volta si fa proiezione di un particolare momento della società messicana. Ma oltre a questo la sua diventa presto una via crucis sul lutto e sulla sua elaborazione che si incrocia con quella del personaggio di Sandra Bullock in Gravity, di cui Roma, Leone d’oro al 75° Festival di Venezia, potrebbe essere persino una sorta di remake neorealista.

Dopo Hollywood e gli Academy Award di Gravity il regista messicano aveva l’evidente necessità di confrontarsi con un progetto più intimo e personale. Non a caso affida produzione e distribuzione al canale Netflix e realizza un’opera di 135’, molto rigorosa, rinunciando completamente all’uso della musica. Ma non solo. A riprova di un coinvolgimento profondo nel progetto, decide non soltanto di scrivere, dirigere e produrre, ma anche di firmare personalmente le immagini in bianco e nero, facendo a meno per la prima volta del fido collaboratore Emmanuel Lubezki, e dei suoi celeberrimi (e spesso sensazionalistici) piani sequenza. Non che Roma non sia un film formalmente impeccabile o privo di long take di formidabile perizia tecnica. Tutt’altro. Ci sono anzi dentro una saturazione e una geometrizzazione degli spazi che in parte possono congelare le emozioni, ma tradiscono anche tutto l’amore che il regista di Gravity ha sempre dichiarato nei confronti del cinema filippino e in particolar modo per Brillante Mendoza. Il controllo della forma serve in verità a Cuaròn per dare una rappresentazione e una rilettura del passato, che è in primo luogo individuale, privata, ma anche inevitabilmente storico-politica come sottolinea la potente sequenza del massacro del Corpus Christi del 10 giugno 1971.

Uno degli elementi più sorprendenti di Roma è che sembra più la raccolta di memorie di un fotografo che quella di un narratore. La carrellate e le panoramiche circolari diventano presto funzionali per una ricostruzione del set familiare e dei primi anni 70 che è affettiva ma anche sottilmente psicoanalitica. I dettagli alternano slanci nostalgici a frammenti di shock rimossi (il poster di Mexico ’70, la cacche del cane che sporcano il cortile, l’immersione notturna sui caotici e rumorosi marciapiedi della città davanti al cinema prima di intravedere il padre con l’amante, e poi ancora l’incendio nel bosco, gli sketch televisivi, gli idiomi e i suoni delle strade, le discussioni appena abbozzate e lasciate in fuori campo, lontane dai punti di vista e di ascolto di domestici, bambini e spettatori). La precisione dei particolari appare quindi finalizzata a ricostruire i contorni di un ricordo e poi, in secondo luogo, a tracciare un sapore, un fluido di esistenza. Del resto in ogni singola inquadratura nei film di Cuarón c’è la compenetrazione di dolore e fede, nascita e morte, staticità e movimento. E anche nelle immagini che sembrerebbero più freddamente controllate, emerge sempre l’ossessione per un particolare che attraversa il fondale (gli aerei che sorvolano il cielo ad esempio) come se volesse scalfire l’impressione di una natura morta e raccontare il processo in divenire, uno spostamento che può essere fisico, ma soprattutto spirituale e biologico.

Nell’attuale momento storico e politico questo ritorno a casa di Cuaròn è anche molto simbolico e coraggioso. E dopo i trionfi internazionali della New Wave centroamericana (ricordiamo anche Iñárritu e Del Toro), capace di rivoluzionare l’estetica e l’industria contemporanea, Roma è probabilmente il vero, grande film da consegnare al cinema messicano. Anche se, molto semplicemente, è un film che si accontenta soprattutto di amare gli spazi e le persone. Un film straordinariamente femminile fatto da un uomo. Ma forse un uomo non basta. Soltanto un “figlio” può fare un film così.

Carlo Valeri, Sentieri Selvaggi.

04 dicembre 2018

PINA BAUSCH A ROMA per VISIONI DI TEATRO CONTEMPORANEO

Secondo appuntamento con VISIONI DI TEATRO CONTEMPORANEO, la rassegna di film documentari su protagonisti, compagnie storiche, tendenze, avanguardie, contaminazioni artistiche che catturano l'attenzione del pubblico nei teatri di tutto il mondo.

Mercoledì 5 dicembre alle 21:15 PINA BAUSCH A ROMA ripercorre l’esperienza della grande coreografa tedesca nella città eterna a cui dedicò due spettacoli indimenticabili, Viktor (1986) e O Dido (1999). Attraverso un intreccio di preziose testimonianze – da Matteo Garrone a Mario Martone, da Vladimir Luxuria a Ninni Romeo, da Leonetta Bentivoglio a Andrés Neumann, da Maurizio Millenotti a Claudia Di Giacomo fino alla famiglia rom Firlović – riemerge così la Roma insospettabile di Pina Bausch, una città autentica e assolutamente anticonvenzionale: una Roma quotidiana, scandita da pranzi in trattoria, incursioni in sale da ballo popolari e passeggiate al mercato della frutta; una Roma underground, distesa nelle sue periferie multietniche, conosciuta grazie a ripetute visite in campi rom e a sopralluoghi notturni in locali transgender e circoli di cultura omosessuale. Il film è diretto da Graziano Graziani a partire da un’idea di Andrés Neumann (storico produttore degli spettacoli di Pina Bausch) e di Simone Bruscia (direttore di Riccione Teatro).

25 novembre 2018

Styx, il film fa incetta di premi in tutta Europa

Styx, ossia Stige, il mitologico fiume degli inferi, parla del nostro mondo, dell’accoglienza, dell’immigrazione, e della responsabilità collettiva e individuale. Di produzione austro-tedesca, ha aperto la sezione “Panorama” alla Berlinale 2018, dove ha vinto il premio della Giuria Ecumenica e il Label di Europa Cinemas.  Si è aggiudicato il secondo posto del premio Lux del parlamento europeo ed è tra i 50 film selezionati per gli EFA (European Film Awards) 2018, che saranno assegnati il 15  dicembre, a Siviglia. E’ anche tra i 5 film nominati per l’European University Film Award (EUFA).
Styx ha appena ottenuto il prestigioso Human Rights Film Award 2018, che sarà consegnato a Norimberga l’8 dicembre.