giovedì
28
novembre
21:15
sabato
30
novembre
18:45
martedì
03
18:00

Santa sangre

di Alejandro Jodorowsky — Italia, Messico, 1989, 119'
con Axel Jodorowsky, Blanca Guerra, Guy Stockwell, Thelma Tixou
proiezione in inglese con sottotitoli in italiano

guarda il trailer

L'infanzia del piccolo Fenix non è come quella di un bambino come tutti gli altri. Lavora nel circo gestito dal padre Orgo, un uomo ubriacone e infedele e la madre Concha, trapezista magnetica a capo di una setta religiosa che idolatra una giovane martire a cui vennero amputate le braccia.
Nel circo vivono anche Alma, una bambina sordomuta e unica amica del bambino, e sua madre, la Donna Tatuata, autentica attrazione e seduttrice impenitente che intrattiene una storia segreta con Orgo. Un giorno, però, Concha li coglie in flagrante e, accecata dall'ira, versa dell’acido sul marito che, prima di morire, le amputa le braccia.
Fenix assiste alla scena e lo shock di fronte a tanto orrore lo porta alla pazzia, al punto da venir rinchiuso in un manicomio in stato semi-catatonico fino all'età adulta. Ma il ritorno improvviso della madre lo spinge alla fuga.

Sorta di aggiornamento psicomagico della figura di Norman Bates, il protagonista vive il suo trauma quale tara ereditaria da una madre iperpossessiva ed egoista e da un padre scriteriato e affettivamente assente, tranne quando, anche lì comunque in modo possessivo, pretende di trasmettere al figlio i suoi valori (o disvalori) attraverso un sanguinoso tatuaggio. Ma se gli elementi dell'horror psicologico non mancano, a caratterizzare il film è la cifra autoriale sempre preponderante e originale di Jodorowsky, regista di pochi, ma generalmente indimenticabili, film.
Calato in una realtà messicana trasfigurata dal filtro immaginifico del regista, il film è anche e forse soprattutto un turgido melodramma criminale a tinte forti, ricco di umori e spunti che si affastellano e si accavallano perlopiù mirabilmente su una trama lineare e, nei suoi tratti essenziali, perfino banale, sempre riscattata comunque dalla forza della visione. Alcuni momenti sono di una bizzarria sublime: il funerale dell'elefante è un esempio brillante, con la solennità della commemorazione rotta all'improvviso dalla corsa della moltitudine a fare a pezzi il cadavere dell'animale per cibarsene. Ma anche la simbiosi perfetta delle braccia di Fenix a sostituire quelle mancanti della madre è folgorante per efficacia e significanza.

E c'è spazio anche per un divertito rimando al mondo del wrestling che tanto ha caratterizzato il cinema d'azione messicano: la figura della lottatrice Santa è un'irresistibile parodia di El Santo, eroe di innumerevoli film. Ma le citazioni cinematografiche sono svariate, da L'uomo invisibile di James Whale al tema delle mani posseduti che richiamano le molteplici versioni di Le mani di Orlac.
Certe ridondanze e alcuni compiacimenti narcisistici dovuti proprio alla sontuosità iconografica del film rallentano la rappresentazione e la rendono talora meno efficace, ma sono dettagli di imperfezione che non minano la riuscita complessiva di una pellicola che riempie gli occhi raccontando in modo anche struggente la difficoltà per i sentimenti veri e "puri" di sopravvivere alla grettezza umana.

Rudy Salvagnini, mymovies.it

La proiezione di martedì 3 dicembre alle 18:00 è riservata ai soci del cinema del carbone, con biglietto d'ingresso unico di 4 euro.