giovedì
09
21:15
venerdì
10
18:00
sabato
11
18:30 20:30 22:30
domenica
12
16:00 21:15
lunedì
13
18:30
martedì
14
18:30
giovedì
16
21:15
venerdì
17
16:15
sabato
18
20:30 22:30
domenica
19
18:15 20:45
lunedì
20
21:15
venerdì
24
18:30
sabato
25
22:30
domenica
26
20:45
lunedì
27
21:15

Tutti pazzi a Tel Aviv

di Sameh Zoabi — Lussemburgo, Francia, Belgio, Israele, 2018, 100'
con Kais Nashif, Lubna Azabal, Yaniv Biton, Maisa Abd Elhadi, Nadim Sawalha

guarda il trailervisita il sito

Salam, un affascinante trentenne palestinese che vive a Gerusalemme, fa l'assistente ai dialoghi per una notissima e seguitissima soap-opera, intitolata “Tel Aviv brucia” prodotta a Ramallah. Ogni giorno, per raggiugere gli studi televisivi, Salam deve passare attraverso un posto di blocco israeliano. Qui incontra il comandante incaricato del posto di blocco, Assi, la cui moglie è una fedelissima fan della soap opera. Per impressionare la moglie, Assi si fa coinvolgere nella stesura della storia della soap ...

Definito da Variety “geniale” e da Repubblica “imprevedibile e divertentissimo” Tutti pazzi a Tel Aviv racconta, con il tono della commedia, la convivenza tra palestinesi e israeliani.

C’è una doppia pista in “Tutti pazzi a Tel Aviv”, film che ha riscosso un gran successo al Festival di Venezia. Il suo autore parte da un uno spunto leggero, come quello del pazzo mondo che gira intorno ai set televisivi, per approdare a quello del conflitto medio orientale.

Tutto scorre perfettamente grazie al tono leggera della commedia usato dal regista.

Una stupida soap diventa un pretesto per veicolare il problema della convivenza difficile tra due culture agli opposti. Infatti, le immagini patinate di “Tel Aviv brucia” inchiodano sullo schermo sia gli israeliani che i palestinesi.

Un film con una vena arguta che ricorda per le ambientazioni il successo della Fox “Boris”, ma anche i grandi classici di Hollywood.

Il primo pensiero per il pubblico italiano va, sin dalle prime inquadrature a “Gli occhi del cuore”, fiction ospitata da "Boris". Il direttore della fotografia “smarmella” alla grande, dando alle immagini una luce ovattata. Poi però, arriva la realtà, rappresentata dal check point che Salam deve attraversare quotidianamente, non senza problemi.

Il registro visivo cambia e diventa realistico. Gli stessi personaggi, tutti, anche se in modo leggero, riescono alla fine a uscire vivi dalle difficoltà quotidiane. Diceva Flaiano “La situazione è grave ma non seria”, e non c’è citazione migliore per definire questo piccolo capolavoro. Un film da non perdere, con un ottimo cast e una regia perfetta.

Il film è stato presentato nella sezione Orizzonti all’ultimo Festival di Venezia dove l’interprete maschile Kais Nashif ha conquistato il Premio come Miglior attore.

“È stata una grande sfida” ha dichiarato il regista Sameh Zoabi “fare una commedia facendo i conti con le realtà israeliana e palestinese. Io credo che la commedia lascia la libertà di parlare con leggerezza anche di argomenti seri. Con i film che ho realizzato ho cercato di divertire il pubblico ma anche di raccontare la realtà in cui viviamo”.