Cinearte 2022 - Sguardi contemporanei

Istinti rivoluzionari

Ogni nuovo movimento artistico nasce dall’esigenza di una frattura radicale con ciò che lo ha preceduto. L’imperativo è mutare le forme, riconcepire lo spazio, ridefinire il colore, cambiare il modo di guardare il (e al) mondo. Cinearte 2022 torna finalmente in sala prendendo slancio dall’istinto rivoluzionario di alcuni significativi artisti del Novecento.
La rassegna di quest’anno segue Man Ray alla macchina fotografica in una vacanza d’eccezione con Picasso ed Eluard, assiste alle lezioni di László Moholy-Nagy al New Bauhahus di Chicago, rivive l’arrivo in Italia di Joseph Beuys, Herman Nitsch e Marina Abramović tra gli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso.
Con Cinearte prosegue l’ormai quasi ventennale collaborazione tra il cinema del carbone e l'Associazione degli Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani nell’indagine delle relazione tra cinema e arti visive, attraverso la proposta di film su vite d’artisti, sperimentazioni di videoarte, crito-film, riflessioni sulle nuove estetiche e sulle produzioni artistiche contemporanee.

Abbonamento 3 film: 10 euro. Biglietto singolo: intero 7 euro | soci cinema del carbone e amici palazzo te 5 euro. I film proposti in calendario sono disponibili su prenotazione al mattino per le scuole che ne facciano richiesta, con costo del biglietto di 4 euro a studente, gratuito per gli insegnanti accompagnatori.

In collaborazione con:
Amici di Palazzo Te e dei Musei Mantovani

marzo

martedì
15
21:15

Un été à la garoupe

di François Lévy-Kuentz — Francia, 2020, 52'

martedì
22
21:15

The New Bauhaus — The Life & Legacy of Moholy-Nagy

di Alysa Nahmias — USA, 2019, 89'

martedì
29
21:15

La rivoluzione siamo noi

di Ilaria Frecci — Italia, 2020, 83'